Catalogo

Libri
Diversi
 
Iscrizione

Pensiero di martedi 25 aprile 2017

Cuore, intelletto, volontà - fare attenzione a distribuirne solo i frutti

Non date mai il vostro cuore: esso vi appartiene, e nessuno ha il diritto di disporne al vostro posto. Se date il vostro cuore a qualcuno, voi non lo avrete più e l'altro ne avrà due; e cosa farà con due cuori? Lascerà cadere il vostro. In Bulgaria diciamo che non si possono portare due cocomeri sotto lo stesso braccio. Quindi, prima o poi, colui al quale avete donato il vostro cuore potrebbe lasciarlo cadere. Allora vi lamenterete: «Ho il cuore spezzato!». E se andrete a lamentarvi con il Cielo, quest'ultimo vi risponderà: «L'errore è tuo: perché lo hai dato? Dovevi tenerlo per te». «Sì, ma io lo amo, lo amo!» «D'accordo, lo ami, ma potevi dargli la tua tenerezza, il tuo amore, le tue canzoni... e tenere per te il tuo cuore». E non crediate che queste precauzioni siano valide unicamente per il cuore. La natura ci ha dato anche un corpo, un'intelligenza, una volontà. Chi è saggio li conserva per sé, distribuendone però i frutti, ossia i suoi pensieri, i suoi sentimenti, la sua attività, il suo lavoro.

Omraam Mikhaël Aïvanhov



\r\n