Leggere il pensiero del giorno di Omraam Mikhaël Aïvanhov

Pensée du vendredi 6 mars 2020

Ogni anno, da oltre 20 anni, le Edizioni Prosveta pubblicano un libro con un pensiero al giorno da leggere, meditare, applicare, condividere.

Abbonatevi gratuitamente al Pensiero e ricevetelo
quotidianamente nella vostra casella email.
 Buona scoperta della parola e dell’Insegnamento di Omraam Mikhaël Aïvanhov!

Mi iscrivo al pensiero 

 


Pensiero di giovedi 20 gennaio 2022

Pensiero - lavorare con esso in modo intelligente e continuo

La potenza del pensiero è immensa, e se voi non ottenete grandi risultati, significa che non siete fedeli al lavoro che avete intrapreso: distruggete sempre il buon lavoro che avete iniziato, dedicandovi a un'attività del tutto contraria. Supponiamo che abbiate iniziato a lavorare sull'armonia, armonia dei gesti, delle parole, di tutto il vostro essere... Però non avete imparato a dominarvi, ed ecco che i pensieri e i desideri caotici continuano a impadronirsi di voi e distruggono via via il vostro buon lavoro. Per ottenere la realizzazione dei vostri desideri spirituali, dovete lavorare in maniera intelligente, organizzata e continua. Può darsi che non realizziate ancora grandi trasformazioni in questa incarnazione, ma le otterrete nella prossima. Voi chiedete: «E perché non in questa?». Perché non avete già lavorato in questo senso in un'incarnazione precedente. Non è in qualche mese o in qualche anno che si arriva a grandi realizzazioni spirituali. Si deve perseverare nei propri sforzi per diverse incarnazioni. Se già in passato aveste cominciato questo lavoro, oggi potreste avere dei risultati. Allora cercate almeno di capire che dovete mettervi a lavorare seriamente in questa incarnazione per avere dei buoni risultati nella prossima.

Omraam Mikhaël Aïvanhov
Sintassi della ricerca sui pensieri

Parola1 Parola2: cerca in almeno una delle due parole.
+Parola1 +Parola2: cerca nelle 2 parole.
"Parola1 Parola2": ricerca sull'espressione tra "".
Parola1*: cerca all'inizio della parola, qualunque sia la fine della parola.
-Parola: la parola dietro - è esclusa dalla ricerca.